MENU
Cultura / Oman

I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un’escursione da Muscat (in giornata)

Anche senza andare troppo lontano, vicino alla capitale, c’è una regione da esplorare che custodisce tesori senza tempo: Al Batinah, tra forti e castelli, oasi infinite e musei storici.

Se siete a Muscat e avete già fatto il giro della città con le sue attrazioni e cercate un’escursione da fare in una giornata o anche se intendete passarci una notte, questa zona è ricca di cose da vedere, soste fotografiche e atmosfere uniche.

Si tratta di una striscia di terra, stretta tra il mare e le montagne, con città che hanno giocato un ruolo chiave nella storia del paese, ma anche wadi avventurosi che celano una geologia da primato.

Nakhal Fort 1 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Al Batinah 900x1200 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Al Batinah tour 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

Ovunque, guidando in questa zona, si trovano castelli, forti, torrette di avvistamento o altre strutture fortificate e questo perché la regione, essendo ricoperta da palmeti e piantagioni, doveva essere protetta dalle incursioni.

Da Muscat, a solo due ore scarse di guida, si può scegliere dunque di percorrere il loop dei forti e dei castelli che comprende Nakhal, Rustaq, Al Hazm con tappe alle case museo di Al Ghasham e Qasra ma anche allargare il giro, valutando di arrivare al villaggio giardino di Wakan, percorrere un Wadi, (alcuni rigorosamente con fuoristrada) fino a spingersi a Sohar, la città natale di due marinai esploratori, per visitare la sua meravigliosa moschea.

Comunque vada, vi darà un’ottima prospettiva dell’Oman, magari da inserire all’inizio della vostra permanenza nel paese.

Dunque, i miei suggerimenti, consigli e spunti di itinerario nella regione della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un’escursione da Muscat.

L’itinerario e le tappe

Parola d’ordine ovviamente è: sveglia presto! Questo perché appunto, anche se si tratta di un’ escursione in giornata, sono sicura che, tra visite e soste fotografiche, il tempo non basta mai.

Da Muscat si guida verso nord, passando la località costiera di Barka, famosa per il suo mercato del pesce e a voi la scelta se proseguire verso nord ancora, ovvero per Sohar dove, inutile dirvi, c’è un’altra delle moschee più belle di tutto l’Oman: Sultan Qaboos Grand Masjid.

Monti Hajar edited scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Strada Al Batinah edited scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Tesori della Al Batinah - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

Sappiate solo, che se decidete di arrivare fino a qui, poi o pernottate fuori e completate il loop in due giorni, diversamente non risucirete a fare certamente tutto quello elencato.

Sohar: Sultan Qaboos Grand Mosque

Sohar è la città natale leggendaria di due famosi personaggi, Ahmed Bin Majid marinaio e cartografo che in realtà è vissuto nel XV sec all’epoca di Vasco Da Gama e il mitico Sinbad sempre marinaio e protagonista delle storie de “Le mille e una notte”.

Nicoletta Vittori edited - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

La sua moschea vi comparirà come un miraggio. Il sito si estende su 181.000 metri quadrati, con ampi giardini fioriti. L’ingresso principale è una celebrazione del colore e dell’arte, con mosaici di motivi geometrici, calligrafia araba e fiori che ti accolgono all’interno.

Sembra in realtà di essere arrivati in un paese dell’Asia Centrale, lo stile lo richiama.

La maestosa cupola, con le sue piastrelle turchesi scintillanti alla luce del sole, fa eco all’eleganza della moschea di Bibi Khanym a Samarcanda, in Uzbekistan.

Sohar Grand Mosque edited scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Cupola Sohar edited scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Particolari Sohar Moschea  900x1200 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Interni moschea Sohar edited 1 scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

All’interno, la vasta sala di preghiera accoglie fino a 4.600 persone contemporaneamente, offrendo un rifugio di freschezza nei toni avvolgenti del bianco. Colonne maestose, pareti finemente intagliate in gesso, sontuosi tappeti e uno spettacolare lampadario centrale contribuiscono a creare un’atmosfera di straordinaria grandiosità.

Nei cortili esterni, i soffitti in legno, sorretti da colonne finemente intagliate, richiamano lo stile delle maestose moschee di Khiva, sempre dell’Uzbekistan, perpetuando l’arte tramandata da secoli. Le colonne, intagliate con maestria da abili artigiani su singoli alberi, costituiscono un’ode all’antica tradizione artigianale, sottolineando la ricca eredità architettonica e storica del luogo.

Mirhab Sohar edited scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Nicoletta Vittori Sohar edited scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

E’ ovviamente aperta ai non musulmani dalle 8 alle 11 tutti i giorni tranne il venerdì. La Moschea è sempre vuota, di turisti. Nessuno infatti, nel loop solito la inserisce perché questo spinge ad usare di fatto un giorno in più.

Al Hazm

Una volta che tornate verso sud, quindi di nuovo sulla strada verso Muscat, dovete girare a destra all’altezza dei cartelli marroni che indicano Al Hazm e Rustaq, più o meno a 1.20h di guida dalla moschea.

Dunque la seguente tappa è appunto Al Hazm Fort, maestoso come gli altri “fratelli” della regione. A mio avviso è imperdibile per la ricchezza dell’insieme che in altri forti non viene spiegato (escluso Jabrin).

Il percorso è inoltre facilitato dal noleggio di audio guide all’ingresso, sulle quali si deve digitare il numero delle stanze che si attraversano.

Al Hazm fort rooftop 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Al Hazm 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

Come detto in precedenza, questa regione e quindi la piana della Al Batinah, è una striscia di terra fertile e pianeggiante con piantagioni a perdita d’occhio e proprio per questo motivo vennero eretti i suoi forti: per proteggere queste e uno dei prodotti più esportati del paese, i datteri.

Il Forte di Al Hazm, è dunque un’imponente testimonianza dell’architettura militare che risale al XVIII sec. Posto strategicamente, offre una vista panoramica sulla regione circostante. La sua struttura massiccia e le mura imponenti raccontano storie di difese robuste e di un passato ricco di storia.

Le possenti mura del forte, realizzate in pietra locale, si ergono fieramente contro il cielo, riflettendo l’abilità degli artigiani dell’epoca. Le torri di avvistamento, con le loro merlature affilate, testimoniano la funzione e aggiungono un tocco di maestosità alla sua struttura.

Al Hazm fort 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Artiglieria Al Hazm edited scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

All’interno del forte, cortili spaziosi e corridoi intricati conducono i visitatori in un viaggio nel tempo. Le stanze del forte, con i loro soffitti in legno e le finestre ad arco, narrano storie di antiche assemblee, incontri segreti e momenti di vita quotidiana dei suoi abitanti.

Vi spoilero che nel tetto, si coltivavano frutta, verdura ed erbe, era praticamente la loro fonte di sostentamento dell’epoca, dato che con gli ingegnosi canali riuscivano ad irrigare anche questi orti. Al Hazm fort è infatti edificato sopra ad un falaj che passa proprio sotto da cui ricavavano l’acqua appunto.

E ancora da segnalare le torri, con l’armeria e la collezione di cannoni, i sotterranei, che sono dei veri e propri labirinti (attenzione a non perdersi) e le stanze dell’ultimo piano arredate con qualche oggetto del tempo sotto teca, oltre alla stanza dei famosi Jinn, i geni protagonisti del folklore arabo

Fee d’ingresso 3 OMR con audioguida inclusa.

Rustaq

Si prosegue il giro e la prossima tappa è la cittadina di Rustaq, la cui storia, è un affascinante viaggio attraverso le epoche, testimonianza di una città che ha visto il susseguirsi di imperi, dinastie e cambiamenti, mantenendo nel contempo la sua autenticità e la sua rilevanza storica.

Rustaq Fort 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Qasra 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Suq Rustaq 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

Rustaq ha radici antiche, con evidenze archeologiche che suggeriscono la presenza umana sin dall’età del bronzo.

La città è stata un importante centro di commercio e cultura nel corso dei secoli, con connessioni storiche con le civiltà persiane, seleucide e romane oltre al fatto che per un breve periodo è stata anche capitale dell’Oman, sotto al dinastia degli Yaruba nel XVII sec, che governò per diverse generazioni e ha lasciato un’impronta significativa nella storia della regione.

Dirigetevi verso il forte che purtroppo al momento (gennaio 2024) è ancora chiuso per restauro a data da destinarsi. Solo davanti a questo capirete l’importanza della regione.

Da qui, potete fare prima un salto al suq adiacente e vedere un pò di vecchi negozi dall’aria vintage, se è mattino presto assisterete anche ad una qualche asta del bestiame (nulla in confronto a quella di Nizwa); sostare al carinissimo Suq Cafe (chiedere il bicchiere con la stampa del forte da prendere come ricordo) per poi camminare attraverso il palmeto e raggiungere la Old Town di Rustaq.

Entrate nel varco sopra al quale trovate la scritta “Qasra Museum“. Vi sembrerà di essere entrati in un altro tempo, tra le mura delle case in terra, paglia e argilla ma che conservano ancora dei bellissimi portoni di legno. Le indicazioni non mancano verso la casa museo.

Qasra Museum 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Oggettistica Rustaq 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

La proprietaria, Zakia bint Nasser Al Lamki, ha restaurato la casa di famiglia trasformandolo in museo.

Lo stesso concetto di Bait Al Safah che trovate ad Al Hamra. La casa di 14 stanze, ha visto passare più di 400 anni.
Le stanze, mantengono il loro originario uso, dalla cucina con gli utensili originali, vecchi bauli (Mandoos), stoviglie, mobilio, libri. E’ uno scrigno di cose vecchie ma il valore aggiunto è la guida della signora di casa, che vi racconterà aneddoti e storie di come viveva la sua famiglia fino a 50/60 anni fa, il cui padre, insegnante, ha lasciato diversi importanti documenti e scritti.

Ingresso libero ma è gradita un’offerta.

Sempre in città, ma dall’altra parte rispetto al forte, potete trovare alcune tombe della dinastia Yarubi, in stile mausoleo. E infine, con la macchina potete raggiungere le sorgenti di Ain Al Kasfah a mio avviso più interessanti di quelli di Ain Thawarah vicino al forte di Nakhal.

Tomba mausoleo Oman 900x1200 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Tombe Rustaq 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

Queste sorgenti, che in realtà si presentano come un grande cratere sul terreno, raggiungono temperature di circa 45 gradi Celsius. A differenza di altre sorgenti nel Sultanato, le sorgenti termali di Kasfah hanno tracce di zolfo nell’acqua che è stato dimostrato di avere proprietà curative soprattutto per quelli con problemi articolari, arteriosi e ancora come stimolazione del sistema immunitario e aiuta i problemi legati alla pelle.

Sorgenti Rustaq 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

E ‘stato anche conosciuto per abbassare il colesterolo e la pressione sanguigna troppo alta.
Vicino a questo, dei bagni pubblici che fungono da Hammam per i locali.


Dove mangiare a Rustaq: Fort Yard. Una vecchia abitazione con una grande corte tipica in stile omanita e tavoli in diverse stanze

Fort Yard 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Pranzo Fort Yard edited scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Cafe Rustaq edited scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

Wadi Bani Kharus

Proseguendo il loop che vi consente proprio di fare una U, troverete a breve l’ingresso del famoso Wadi Bani Afw, accesso consentito solo per chi è provvisto di fuoristrada ed esperienza con la guida in off Road, e ancora fino ad Al Awabi.

Da qui parte il bellissimo Wadi Bani Kharus, uno dei pochi percorribile interamente ora con auto normale (ma attenzione sempre alle condizioni meteo o se ha piovuto i giorni precedenti.

Wadi Bani Kharus edited scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

Si tratta di 20 km che entrano letteralmente nelle profondità dei Monti Hajar, dunque guidare lungo questa strada asfaltata solo negli ultimi anni, è come viaggiare nella geologia del paese. Rocce che risalgono a più di 600 milioni di anni fa e come un libro di scienze vi si apriranno “pagine” e “pagine” di stratigrafie. Strisce di minerali, cristalli, pietre che cambiano colore in base alla luce del sole.

Oltre a questo, in fondo al Wadi Bani Kharus potete trovare incisioni rupestri davvero interessanti con figure di uomini a cavallo.

Wakan

Un’altra deviazione degna di nota, ma che potrebbe essere motivo di escursione da Muscat di per sè, è Wakan. Specialmente se siete in queste zone a febbraio, quando la primavera mostra le sue creazioni.

Wakan Village 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Wakan 700 steps 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Wadi Mistal 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

A circa un’ora scarsa da Wadi Bani Kharus, si trova questo meraviglioso villaggio di montagna, abbarbicato sui Monti Hajar e dal quale si gode di un bellissimo panorama della Al Batinah e sul Wadi Mistal.

Organizzato in diversi terrazzamenti, potete trovare diverse coltivazioni di melograni, albicocche, uva e altri prodotti.

A seconda della stagione, potreste vivere l’esperienza di vedere bellissimi fiori di albicocca in piena fioritura e le farfalle che si nutrono ma non raccogliete frutta e verdura perché gli abitanti del villaggio dipendono da questi per il loro sostentamento.

Si prega inoltre di notare che è necessario attenersi al percorso designato quando si esplora il villaggio e i suoi dintorni, siccome i vicoli passano attraverso le case degli abitanti del villaggio e la loro privacy deve essere rispettata (con attenzione anche al vestiario)

Ci sono due percorsi di trekking, uno è il semplice attraversamento del villaggio…facendo ben 700 gradini fino alla cima, oltre questo un altro che collega il villaggio di Wakan ad Al Jabal Al Akhdar nel governatorato di Al Dakhiliyah, ed è un’escursione che richiederà diverse ore ed è piuttosto impegnativo e livello diffiicile.

Segnaletica escursioni 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Nicoletta Vittori Wakan edited - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

Ad ogni modo, seguite la segnaletica dei sentieri, ovvero la “bandiera” gialla, bianca e rossa che troverete per terra o sulle rocce.

Dunque, se siete in queste zone a febbraio, vale la pena solo per vedere la fioritura degli alberi da frutto.

Nakhal

Nakhal sembra un tutt’uno con la meravigliosa piantagione di palme da dattero che si estende a perdita d’occhio come un fiume in piena tra le montagne.

Come per Rustaq, anche in questo villaggio troverete un piccolo suq e il forte appena restaurato ed inaugurato nel 2023.

Nakhal Fort 1200x791 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Nakhal Fort
Nakhal 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Interni Nakhal edited scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Palmeto Nakhal edited scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

Il Nakhal fort, sorge sul sito di un altro edificio di epoca preislamica, ma le torri e l’ingresso vennero edificato solo nel XIX. E’ un forte di fatto “spoglio” all’interno, che da una parte potrebbe essere saltato, ma la vista che si ha del palmeto, dai bastioni, non ha prezzo.

Soliti stratagemmi architettonici, nel forte, costruito per proteggere la zona circostante, grazie alla sua posizione incantevole, si trovano quindi feritoie sulle porte alte da dove veniva gettato sciroppo di dattero bollente (stile pece) contro i nemici, ancora camminamenti di ronda e stanze con finestre verso punti strategici.

Nakhal Restaurant edited scaled - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

Hanno appena inaugurato (gennaio 2024) un piccolo café molto instagrammabile sul rooftop, dunque concedetevi una pausa prima di tornare in città.

Fee d’ingresso 3 OMR


Dove mangiare a Nakhal: Al Barzah Heritage Restaurant

Bait Al GHasham

L’ultima tappa finale, davvero interessante da includere nel loop, prima di rientrare a Muscat, è la casa museo di Bait Al Ghasham.

La casa ha una storia che va indietro nel tempo di oltre 200 anni; nota come Bait Al Ghasham, risale al regno di Sayyid Said Bin Sultan Al Busaidi (1791-1856), un sovrano influente dell’Oman nel XIX secolo. Il nome deriva dal precedente proprietario, Sayyid Mohammed bin Ahmed bin Nasser Al-Ghasham Busaidi, che fu un ministro del Sultano Taimur bin Feisal e Wali di Muttrah.

Bait Ghasham car 900x1200 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Bait Ghasham sala 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
Bait Ghasham 1200x900 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)
reperti 900x1200 - I tesori della Al Batinah, tra wadi, forti, palmeti e case storiche. Un'escursione da Muscat (in giornata)

Viveva in questa casa con la sua famiglia, ed è stato soprannominato “Al-Ghasham”.
Dopo il suo periodo di residenza, la casa è stata venduta e ha ospitato generazioni successive della dinastia Al Busaidi. Questa storia riflette non solo il legame con la figura di Sayyid Said Bin Sultan Al Busaidi ma anche l’eredità della famiglia Al-Ghasham e Al Busaidi, che ha attraversato i secoli mantenendo viva la storia e la tradizione della casa.

Troverete nel cortile che precede l’ingresso, ad accogliervi, un vecchia Land Rover verniciata d’azzurro. Una volta entrati, troverete una serie di stanze organizzate su 2 piani, con arredamenti d’epoca, oggettistica, piatti, con anche vecchie foto alle pareti. Una vera e propria dimora con alcuni particolari di letti a baldacchino che rimandano a Zanzibar.

Fee d’ingresso, 3 OMR

Conclusioni

Se siete appassionati di architettura militare ma anche per prendervi una boccata d’aria poco fuori la capitale, cercate un’escursione da fare in giornata vicino a Muscat, la regione della Al Batinah fa al caso vostro.

Si può percorrere l’intero loop con un auto normale ( tranne che per Wakan e Wadi Bani Afw per cui serve un fuoristrada) e avrete un contatto diretto con la storia del paese attraverso i forti e le case museo.

Raccomando di non scegliere il giro di venerdì, in quanto gli orari di alcune attrazione potrebbe essere limitato.

No Comments

    Lascia un commento

    error: Content is protected !!